Luoghi

Basilicata oltre il tempo

Gli arbëreshë, così si chiamano i discendenti degli albanesi italiani, sono presenti anche in altre regioni meridionali, in particolare in Calabria, e sono considerati un esempio riuscito di accoglienza e integrazione. Nei due piccoli paesi lucani si parla ancora l’antico dialetto dell’Albania del sud, si celebrano i riti religiosi di tradizione greca-bizantina, si indossano costumi tradizionali e si tramandano a voce fiabe e canti popolari. In mezzo ai due borghi, distanti tra loro 8 km, scorre il fiume Sarmento, circondato da prati e pascoli d’alta quota che invitano a un turismo lento.

L’abito tradizionale arbëreshë comprende camicie bianche di pizzo, lunghe gonne colorate e spilloni di filigrana.

I cartelli delle vie sono scritti in due lingue

Protetto da fitti boschi di pini loricati e castagni, San Costantino Albanese è un collage di tetti rossi e mura bianche che si arrampicano alle pendici della Timpa di San Nicola. Per esplorarlo parti dalla zona alta del paese che è chiamata katundi alartaz per distinguerla da quella bassa (katundi ahimaz). Ti accorgerai subito del curioso mix culturale perché vie e cartelli portano nomi scritti in due lingue, albanese e italiano.

La passeggiata inizia dalla strada principale, via Scanderbeg (Nxellikata), che prende il nome dall’antico re dell’Epiro e principe dell’Albania Giorgio Castriota Scanderbeg, eroe nazionale. Lungo il percorso fermati ad ammirare gli eleganti portoni delle case: molti sono ad arco, costruiti in legno con battenti di metallo e riccamente decorati. Non perdere i murales che colorano buona parte del nucleo abitato: li ha dipinti l’artista locale Enzo Schillizzi e raccontano la storia di San Costantino.

Nel museo c’è la collezione dei vestiti tradizionali

Per approfondire le conoscenze della comunità arbëreshë raggiungi l’Etnomuseo, in via Demostene 3, dove ti aspettano un laboratorio musicale che insegna a costruire la surdulina, una specie di zampogna, e una collezione di costumi tradizionali, alcuni preziosissimi.

default

Nelle sale scoprirai che il guardaroba femminile arbëreshë prevede quattro abiti diversi a seconda dell’età e dell’occasione. Fermati ad ammirare anche gli spingullat, i meravigliosi spilloni di filigrana d’argento usati per decorare i capelli: le donne del paese li hanno ereditati dalle nonne e li custodiscono gelosamente. Ancora oggi, girando per i vicoli, puoi incontrare le anziane signore che indossano camicie con pizzi e merletti, lunghe gonne coperte da un grembiule e un fazzoletto legato intorno alla testa.

Sulla piazza principale sorge la chiesa madre dedicata ai Santi Costantino ed Elena: varcata la soglia ti aspetta un viaggio tra icone bizantine e dipinti nei toni del rosso e dell’oro. Qui il rito si celebra in greco e in albanese. Se sei fortunata ti può capitare di assistere a un matrimonio tradizionale: vedere il prete che poggia sul capo degli sposi due corone bianche di fiori è un’esperienza emozionante.

Un dettaglio dell’abito tradizionale arbëreshë.

A chi visita il minuscolo comune di San Paolo Albanese, quel nucleo di strette strade e case di pietra incastonate sul Monte Carnara, sembra un paradiso. Da qui si vede tutta la valle del Sarmento e il fitto bosco Capillo con il suo intricato labirinto di cerri che abbraccia l’abitato. Isolato nella natura più selvaggia, San Paolo Albanese è il borgo meno popoloso della regione: qui vivono poco più di 250 persone, quasi tutte anziane, perché i giovani vanno a studiare e a lavorare altrove.

default

Lungo i muri delle case ci sono ancora gli anelli di pietra usati per legare gli animali, mentre sulle scale d’accesso uomini e donne con gli abiti tradizionali chiacchierano in dialetto. Vale la pena scambiare con loro due parole, in genere sono felici di condividere aneddoti della loro cultura e tu puoi imparare qualche termine come mbrëma e mirë (buonasera) o haristisënj (grazie).

Il luogo d’incontro qui è la chiesa dell’Esaltazione della Santa Croce, mentre nel Museo della cultura Arbëreshë (via Regina Margherita 15) si custodiscono canti popolari e gli alberi genealogici delle famiglie del posto.

 

You may also like...

Popular Articles...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.